Search
× Search
giovedì 18 aprile 2024

Comuni

Scopri le meraviglie del Cilento interno. Un territorio accogliente, ricco di sentieri, natura, cultura, arte, divertimento, sagre, prodotti tipici.

Condividi

Comune di Bellosguardo

Origini del nome

Alcuni sostengono che il nome Bellosguardo derivi dall'unione di "bello" e "sguardo", chiamato, in passato, Belrisguardo in virtù del panorama mozzafiato che si può ammirare dalla collina del paese.

Altre fonti, invece, attribuiscono la scelta del nome ad una leggenda su un eroe del luogo risalente al 338 a.C., anno in cui scoppiò, per futili motivi, una guerra tra Lucani e Tarantini. Questi ultimi chiesero aiuto a Sparta. Si ebbe un primo scontro terminato con la vittoria lucana, ma pochi anni dopo le ostilità tra i due popoli si riaccesero. Ancora una volta la città ionica chiese aiuto e, così, sbarcò a Taranto il re dell’Epiro con un forte esercito.
Il comando lucano fu affidato ad un giovane nativo del territorio, fra gli odierni Roscigno e Bellosguardo. Era un giovane che, per la sua bellezza e la sua forza, fu chiamato Berlisguardo. Le forze lucane del salernitano si concentrarono a Paestum, per poi prendere la via del sud. Una notte, però, il capitano lucano, dopo aver assalito l’accampamento greco, perse la vita, finito con la spada dal capitano nemico. Ciò provocò un forte senso di rabbia in Berlisguardo, che si lanciò contro il comandante greco, ma i soldati lo costrinsero a ritirarsi. I Greci, per riordinare le forze, rientrarono a Pandosia. Berlisguardo scorse il re macedone sulla sponda dell’Acheronte e lo finì con uno spiedo nella schiena. Dopo uno scontro con due soldati, perse prima le braccia e poi la vita. Il suo cadavere fu preso, lavato, profumato e, quindi, seppellito nel luogo natio. Fu considerato un vero eroe, poiché aveva messo fine alla guerra. La sua salma fu deposta in piazza e, dopo un compianto funebre, fu posta sul rogo. Bruciò per un giorno, poi, fu sotterrata in una profonda buca. Dopo alcuni secoli su quella collina fu fondato un casale, che, a ricordo del giovane lucano, fu chiamato Berlisguardo, reso poi in Bellosguardo.

La fonte più attendibile, invece, sembra essere quella dello storico Lucido Di Stefano, che, nel suo libro Della Valle di Fasanella nella Lucania, parla dell'aria salubre e mite di Belrisguardo; particolare che avrebbe reso piuttosto sani i suoi abitanti, tanto da avere tutti un colorito perfetto e una particolare freschezza in volto: un bello sguardo.

Storia

La storia di Bellosguado va collegata a quella di Fasanella, antica città distrutta da Federico II di Svevia. L'antico centro urbano sorgeva in località Santo Manfredi, a circa 3 km da Sant'Angelo a Fasanella. Nel 1246 la cittadina fu rasa al suolo da Federico II per punire Pandolfo di Fasanella, che aveva partecipato alla congiura di Capaccio (una delle tante che in quel periodo furono tentate ai danni dell'imperatore e che lo videro sempre vincitore). A Pandolfo Fasanella furono poi restituiti tutti i suoi possedimenti, grazie all'alleanza con Carlo d'Angiò. Inizia da allora un lento spopolamento di Fasanella. Scrive uno storico (il Siribelli) che Pandolfo Fasanella fece fondare sul colle di Bellosguardo (già Castrum) un Casamento (Palazzo Vecchio) per soggiornarvi. Il borgo comincia a popolarsi agli inizi del Quattrocento. A Bellosguardo si trasferirono gli abitanti di Fasanella e di Clitino (altro borgo della zona). Queste vicende sono state studiate di recente in modo approfondito dal sacerdote don Orazio Pepe, che ha esaminato le pergamene dell'archivio della chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo.
Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Sant'Angelo a Fasanella, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.
Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Sant'Angelo a Fasanella, appartenente al Circondario di Campagna.
 

 

Come Arrivare

IN AUTO

PER CHI VIENE DA NORD:
Immettersi sull'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire allo svincolo di Battipaglia e proseguire seguendo il percorso: Capaccio Scalo - Roccadaspide - Bellosguardo.
In alternativa: Uscire allo svincolo di Eboli e seguire il percorso: Serre di Persano - Controne - Castelcivita - Ottati - Sant'Angelo a Fasanella - Corleto Monforte - Bellosguardo.

PER CHI VIENE DA SUD:
Autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, uscire ad Atena Lucana e proseguire per San Rufo - Bivio Roscigno - Bivio Corleto Monforte - Bellosguardo.
Distanza da Napoli 134 km. Tempo stimato di percorrenza 1h e 40 min.

IN TRENO
La stazione ferroviaria più vicina è si trova a Capaccio - Paestum.
 

Vivi il territorio di Bellosguardo

Termini Di Utilizzo Copyright 2024 by IntraCilento
Torna su